Con CoopVoce Sostieni la Solidarietà

Scarica e consulta il codice di autoregolamentazione per la gestione delle numerazioni utilizzate per le raccolte fondi telefoniche per fini benefici di utilità sociale
(redatto ai sensi dell’art. 22, comma 7, dell’allegato A alla delibera n. 8/15/CIR e s.m.i. come integrato dalla delibera n. 17/17/CIR)


Sportello di Ascolto per le famiglie che hanno bisogno di essere seguite.
PROGETTO “E ADESSO COSA FACCIO”
Demenza, Sindrome di Alzheimer queste patologie sono tutte realtà che spesso comportano oltre alla sofferenza fisica ed emotiva dei familiari, una fatica e una difficoltà, soprattutto nei primi stadi della malattia, di orientarsi nell’articolata  rete dei servizi e di conoscere le modalità per accedere ai contributi previdenziali/assistenziali per casi di questo tipo. Da qui la necessità di un servizio di accompagnamento e supporto con l’obiettivo non tanto di sostituire enti e servizi già attivi, quanto quello di farsi carico di un raccordo ed una supervisione generale.
Proprio per rispondere alla domanda che titola il progetto … E adesso cosa faccio?, abbiamo pensato di organizzare un servizio che preveda uno sportello di ascolto coordinato da un’assistente sociale che avrà il compito di accogliere le richieste delle persone, individuare i bisogni e le risposte da mettere in campo. Il progetto si completa con la creazione di un portale web con le informazioni e la mappa dei servizi.

Contribuisci con un SMS dei valore di 2 euro dal 3 al 29 dicembre.



Il Pranzo di Natale è una tradizione della Comunità di Sant’Egidio dal 1982, quando alcuni poveri furono accolti nella basilica di Santa Maria in Trastevere. Il banchetto si è allargato raggiungendo oltre 60 paesi in tutto il mondo. Perché Sant’Egidio è una famiglia e a Natale fa festa con i suoi amici di tutto l’anno: bambini, anziani, malati, senza dimora, detenuti, rifugiati. Diversi sono i luoghi dove si apparecchia il pranzo: chiese, case, scuole, ma anche istituti per anziani, carceri e ospedali. Non solo una festa commovente, ma un segno di pace in un mondo pieno di violenza, e la scoperta del vero senso del Natale per tanta gente che viene ad aiutare. Nel 2017 oltre 230 mila poveri hanno partecipato al Pranzo di Natale: oltre 55.000 in Italia, in 90 città. E quest’anno, vogliamo lanciare un forte messaggio di solidarietà con la campagna A Natale aggiungi un posto a tavola.

Contribuisci con un SMS dei valore di 2 euro dal 2 al 25 dicembre.



I pazienti affetti da tumori del sangue necessitano di cure garantite da Centri di Ematologia altamente specializzati. I pazienti che risiedono lontano dai Centri, dopo il primo periodo di ospedalizzazione, debbono comunque proseguire le terapie in day-hospital, spesso per periodi prolungati. Hanno pertanto la necessità di trovare un alloggio trovandosi a sostenere spese ingenti che, nella maggior parte dei casi, le famiglie non sono in grado di affrontare. Al dramma della malattia si aggiunge spesso, quindi, quello delle difficoltà economiche. Le Case AIL sono state realizzate proprio per offrire accoglienza e conforto ai pazienti che si curano lontano da casa; sono luoghi dove il malato, e il familiare che l’accompagna, può vivere senza sostenere costi, in un ambiente familiare, vicino al centro di ematologia di riferimento, e ricevere le cure necessarie. Se l'AIL non avesse realizzato le Case AIL, decine di migliaia di pazienti avrebbero dovuto rinunciare al miglior percorso di cura per la propria patologia.

Contribuisci con un SMS dei valore di 2 euro dall'1 al 16 dicembre.



For a Smile Onlus ha scelto di rivolgere l’attenzione all’accompagnamento dei bambini durante la malattia, creando il progetto Basta una Zampa dedicato a speciali sedute di I.A.A. (Dog  Therapy) per pazienti pediatrici con disabilità psico-fisiche anche gravi, ospedalizzati o sotto cure mediche. L’obiettivo del progetto Basta una Zampa punta al miglioramento della qualità della vita e all’incremento del benessere dei bambini; attivando e sostenendo le loro risorse di crescita e progettualità individuale, offrendo un’esperienza diversa nella routine ospedaliera-terapeutica, attraverso l’interazione sociale con un animale formato appositamente.

Contribuisci con un SMS dei valore di 2 euro dal 26 novembre al 15 dicembre.



OPERAZIONE PANE è finalizzato al sostegno di 10 mense francescane in Italia (Palermo, Catanzaro, Roma, Bologna, Verona, La Spezia, Pavia, Milano, Torino, Monza, Genova, Lonigo, Baccanello, Voghera) per supportarle nell’erogazione quotidiana dei pasti e delle attività di reinserimento nella comunità per le persone aiutate. Il progetto vuole offrire una risposta ai bisogni di chi vive in condizioni di grave emarginazione sociale, che superi l’assistenza in emergenza, creando un sostegno permanente e prolungato nel tempo.

Contribuisci con un SMS dei valore di 2 euro dal 8 novembre al 15 dicembre.



Il PROGETTO ACCOGLIENZA, RIABILITAZIONE, FORMAZIONE E REINSERIMENTO FAMIGLIARE DI GIOVANI RAGAZZE VITTIME DI TRAFFICO si pone l'obiettivo di ridurre il traffico e lo sfruttamento di adolescenti verso una eliminazione progressiva e sostenibile del traffico di esseri umani ai fini della prostituzione e altre forme di lavoro forzato e schiavitù. Per dare risposta al bisogno di offrire accoglienza ai bambini/e intercettati dalla polizia e sottratti al traffico e allo sfruttamento, i Salesiani hanno aperto ad Ashaiman un centro (CPC – Child Protection Centre) nel 2014. Qui vengono accolti bambini e bambine tra i 6 e i 17 anni ai quali viene data la possibilità di seguire un percorso di riabilitazione e quando possibile il reinserimento in famiglia. Il presente progetto ha lo scopo di ampliare il bacino di utenza del centro offrendo anche alle ragazzine più grandi, che hanno dai 14 ai 20 anni, la possibilità di un percorso di accoglienza, riabilitazione, formazione professionale e reinserimento famigliare.

PROGETTO EDUCATIVO NEL CAMPO PROFUGO DEL KURDISTAN IRACHENO DI ERBIL – IRAQ: l'Iraq ha vissuto in situazione di guerra continua sin dagli anni 80’ del secolo scorso. I movimenti radicali di tipi fondamentalisti islamici hanno sommerso il paese in una guerra permanente fino ad oggi. L’obiettivo è promuovere attività educative di interazione fra gli studenti delle Cattedre Scholas in rete con altre associazioni e organizzazioni per l’applicazione dei programmi educativi di Scholas (Scholas Cittadinanza, Scholas Arts, Sport con Valori) a favore dei bambini e giovani nel campo profugo di Erbil. Tutto ciò attraverso attività che forniscano strumenti educativi per affrontare le cause profonde della violenza e dei conflitti, rafforzando la capacità critica ed i comportanti prosociali e contrastino i sentimenti e comportamenti di xenofobia, discriminazione ed emarginazione attraverso i valori della Cultura dell’Incontro.

PROGETTO MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VITA DEI RIFUGIATI E DELLA COMUNITÀ OSPITANTE NEL CAMPO PROFUGHI DI PALABEK": la guerra scoppiata in Sud Sudan nel 2013 ed inaspritasi nel 2016 ha obbligato moltissime persone a fuggire in Uganda ed altri Stati limitrofi. L’obiettivo è migliorare le condizioni di vita dei rifugiati, con un’attenzione particolare ai bambini e ai giovani, e anche la convivenza tra la comunità dei rifugiati e la popolazione locale ospitante attraverso l’offerta di educazione, formazione professionale e l’avvio di attività generatrici di reddito. In particolare, attraverso la costruzione di una residenza per la Comunità salesiana all’interno del campo si vogliono promuovere attività a sostegno dell’educazione e formazione professionale di qualità e migliorare la formazione degli insegnanti e altri professionisti tra i rifugiati affinché aiutino nel lavoro educativo.

Contribuisci con un SMS del valore di 2 euro dal 15 settembre al 31 dicembre.



Nel 2009, dopo il successo della campagna globale Riscriviamo il Futuro, con la quale Save the Children – l’Organizzazione internazionale dedicata dal 1919 a salvare i bambini e promuoverne i diritti in tutto il mondo -  ha garantito educazione di qualità a oltre 10 milioni di bambini che vivono in paesi in guerra, l’Organizzazione ha deciso di lanciare una nuova ambiziosa sfida: la campagna internazionale Every One per dire basta alla mortalità infantile. Grazie anche all’importante lavoro di Save the Children, dal 2009 a oggi la mortalità infantile è scesa drasticamente: da oltre 9 a meno di 6 milioni di bambini che muoiono ogni anno prima di raggiungere il quinto anno di vita.
Nel mondo ci sono milioni di bambini senza un domani, sono coloro che sono stati lasciati indietro, esclusi dall’accesso alla salute, dall’educazione e dalla possibilità di costruirsi un futuro. Coloro che non riescono neppure a nutrirsi e che ogni giorno lottano contro la fame.
Quasi 6 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono per malattie facilmente curabili e prevenibili e per la metà di loro la principale concausa di morte è proprio la malnutrizione. La situazione si è ulteriormente aggravata a causa di una grave crisi alimentare e siccità nel Corno d’Africa che mette a rischio la vita di sei milioni e mezzo di bambini. Sono numeri a cui si fa fatica a dare una concretezza, ma si tratta di bambini che muoiono perché non hanno la possibilità di nutrirsi. Al mondo c’è abbastanza cibo per tutti ma povertà, guerre, disastri naturale e cambiamenti climatici fanno sì che troppe famiglie non riescano a nutrire i propri bambini.
È per questo che Save the Children ha deciso di rilanciare anche nel 2018 la campagna Every Last Child/Fino all’ultimo Bambino che, in linea con la mission dell’organizzazione, ha l’obiettivo di garantire a ogni bambino il diritto al cibo e alla salute sostenendo direttamente progetti di salute e nutrizione in Etiopia, Malawi, Mozambico, India, Nepal e Uganda.

Contribuisci con un SMS del valore di 2 euro dal 15 settembre al 31 dicembre.



Il nome della campagna è Una storia di mani – una nuova casa per i bambini sordociechi.

La Lega del Filo d’Oro da alcuni anni è fortemente impegnata nella realizzazione di un nuovo Centro Nazionale per le persone con sordocecità, un centro all’avanguardia in tutta Europa. Inaugurato il primo lotto, sono iniziati i lavori di completamento della struttura che vedrà un importante incremento della possibilità di accoglienza e una forte diminuzione delle liste di attesa.

Contribuisci con un SMS dei valore di 2 euro dal 1 settembre al 31 dicembre.



ActionAid è un’organizzazione internazionale indipendente impegnata nella lotta alle cause della fame nel mondo, della povertà e dell’esclusione sociale. Da oltre 40 anni siamo a fianco delle comunità del Sud del mondo per garantire loro migliori condizioni di vita e il rispetto dei diritti fondamentali, in collaborazione con oltre 2000 organizzazioni locali. Grazie ai fondi raccolti raggiungiamo circa 27 milioni di persone attraverso 800 progetti sviluppati in quasi 50 paesi dell’Africa, Asia, America Latina e anche in Italia. ActionAid ha la sua sede di coordinamento in Sud Africa a Johannesburg e affiliati nazionali nel Nord e nel Sud del mondo. In Italia ActionAid è presente dal 1989 e nel 2003 è divenuta ONG riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri. Il nostro lavoro si concentra soprattutto su bambini e adolescenti, donne e fasce della popolazione più svantaggiate, aiutandoli ad agire per un futuro migliore. Lavoriamo per garantire interventi in grado di creare un reale cambiamento sostenibile nel tempo. L’approccio di lavoro utilizzato da ActionAid Italia si fonda sui diritti umani e mira a dare alle persone che vivono in condizioni di povertà la possibilità di organizzarsi e mobilitarsi per rivendicare, ottenere e godere i propri diritti fondamentali, quali cibo, acqua potabile, istruzione e cure mediche. Con il progetto SCUOLA PER TUTTI ActionAid vuole costruire aule e spazi nuovi, adatti e attrezzati, in due scuole del Mozambico, nei distretti di Manhiça e Marracuene, garantendo così ai bambini il diritto allo studio, a un’istruzione di qualità.

Contribuisci con un SMS del valore di 2 euro dal 1 luglio al 31 dicembre.



Insieme a Fondazione Telethon, per la cura delle malattie genetiche rare. Attività per raccogliere fondi a favore della migliore ricerca italiana sulle malattie genetiche rare, offrendo la speranza di una cura alle persone con queste patologie. A causa della loro rarità, queste malattie sono perlopiù prive di terapie efficaci, perché trascurate dai grandi investimenti pubblici e privati in ricerca biomedica. Dal 1990, grazie al sostegno dei donatori, Fondazione Telethon ha investito oltre 497 milioni di euro per finanziare più di 2.600 attività e progetti di ricerca sulle malattie genetiche rare. I due istituti della Fondazione, Tigem di Pozzuoli (NA) e SR-Tiget di Milano, sono riconosciuti quali eccellenze internazionali nel campo delle malattie genetiche rare per la qualità dei loro risultati. Proprio al SR-Tiget è stata sviluppata la prima terapia genica con cellule staminali al mondo diventata un farmaco, Strimvelis, per curare i bambini affetti da Ada-Scid, una gravissima immunodeficienza congenita.

Contribuisci con un SMS del valore di 2 euro dal 16 giugno al 31 dicembre.



L'iniziativa Con il Cuore prevede il sostentamento dei seguenti progetti:

Progetto 1

Polo Caritativo Umbria, un centro di sostegno per giovani e famiglie in difficoltà.

Progetto 2

Scuola Media in Indonesia, un polo educativo per i giovani in difficoltà in Indonesia. La zona è particolamente isolata e ha bisogno di un luogo  dove i giovani possano crescere.

Progetto 3 

Centro riabilitativo mamme sole e centro educativo in Bangui (Repubblica Centrafrica), una scuola e un luogo dove le mamme sole possano imparare un mestiere ed essere autosufficienti.

Progetto 4

Centro polivalente ed educativo con collegio per i giovani in Madagascar. In una zona particolarmente disagiata economicamente la creazione di questa scuola potrebbe dare un futuro agli adulti di domani ed essere indipendenti.

Progetto 5

Polo sanitario per i poveri. Frangilla è un quartiere particolarmente povero dove le malattie infettive sono molto diffuse. Con questo centro si vuole educare la popolazione e dare soccorso sanitario.

 

Contribuisci con un SMS del valore di 2 euro dal 14 maggio al 31 dicembre.



AIRC è oggi il principale finanziatore privato della ricerca sul cancro in Italia, grazie alla fiducia di 4,5 milioni di sostenitori. In poco più di 50 anni, insieme alla sua fondazione FIRC, ha distribuito oltre 1 miliardo e trecento milioni di euro per il finanziamento della ricerca oncologica. Nel solo 2018 ha messo a disposizione della comunità scientifica italiana oltre 118 milioni di euro per sostenere 584 progetti di ricerca, 66 borse di studio e altri programmi speciali. Circa 5.000 ricercatori - un vero e proprio esercito di scienziati composto per il 63% da donne e per il 54% da under 40 - stanno così lavorando per rendere il cancro sempre più curabile, in laboratori di università, ospedali e istituzioni in tutta Italia, prevalentemente in strutture pubbliche, con un beneficio tangibile per i sistemi della ricerca e della sanità del nostro Paese. Nel corso dell’anno AIRC promuoverà alcune campagne per raccogliere fondi per la ricerca oncologica italiana, in particolare l’Azalea della Ricerca nel mese di maggio finalizzata a finanziare la ricerca sui tumori femminili e I Giorni della Ricerca nel mese di novembre volta al sostegno dei giovani ricercatori.

Contribuisci con un SMS del valore di 2 euro dal 1 maggio al 31 dicembre.



La sclerosi multipla (SM) è una malattia cronica invalidante che colpisce il sistema nervoso centrale di giovani adulti, interrompendo il flusso di informazioni all'interno del cervello e del corpo. Circa il 15% delle persone cui viene diagnosticata la SM sviluppa fin dall’inizio la forma primariamente progressiva (SM – PP), mentre una buona percentuale di persone con una forma di SM a ricadute dopo un periodo variabile sviluppa la forma progressiva (SM secondariamente progressiva SMSP). In queste forme, ogni giorno la progressione della malattia può privare le persone di qualcosa: visione, capacità cognitive, mobilità, capacità di lavorare e indipendenza personale. Più di 2,3 milioni di persone nel mondo attualmente convivono con la malattia; oltre 1 milione di persone hanno una forma progressiva di SM. Nonostante i progressi sostanziali nei trattamenti che possono influenzare il decorso delle forme di malattia con ricadute, per le persone con sclerosi multipla progressiva primaria o secondaria mancano trattamenti efficaci. Per questo motivo molti dei progetti che annualmente AISM, attraverso la sua Fondazione FISM, finanzia sia con il bando annuale sia con i Progetti Speciali, sono dedicati alla ricerca di base e alla ricerca clinica sulle forme progressive. Questi i progetti che andremo a finanziare: - STEMS Trapianto di cellule staminali neurali in pazienti affetti da sclerosi multipla - studio di fase I - Progetto PMSA Alliance (collaborazione a livello mondiale focalizzata sulla ricerca per le forme progressive di SM) - Approccio bioinformatico e riprogrammazione cellulare per sviluppare una piattaforma in vitro per scoprire nuovi farmaci per la SM progressiva(BRAVE in MS)" - Ruolo di Jab1 e della senescenza nella patogenesi delle forme progressive di Sclerosi Multipla in un modello animale - La connettività funzionale dinamica nella sclerosi multipla progressiva: nuovi approcci e rilevanza clinica.

Contribuisci con un SMS del valore di 2 euro dal 15 aprile al 31 dicembre.



Il problema della povertà dei bambini riguarda sempre di più anche il nostro Paese e per questo, dal 2017, Cesvi ha deciso di intervenire in Italia. In particolare, abbiamo avviato un programma per il contrasto ai fenomeni di trascuratezza, maltrattamento e violenza ai danni di bambini e adolescenti.
Programma di prevenzione e contrasto del maltrattamento infantile, sul territorio nazionale, e nello specifico: BERGAMO, ROMA-RIETI e NAPOLI.
Il programma si compone di due aree principali d’intervento:
PREVENZIONE DELLA TRASCURATEZZA: Cesvi svilupperà interventi qualificati che si rivolgano a bambini e genitori, anche in collaborazione con le scuole.
DIAGNOSI E CURA DI CASI DI MALTRATTAMENTO INDIVIDUATI
Beneficiari diretti del progetto:
- attività di sensibilizzazione e laboratoriali (scuola) con i bambini: 200
- attività di cura, percorsi di psicoterapia e valutazione dello stato psicologico dei bambini: 130
- genitori coinvolti in percorsi di rafforzamento delle competenze e di genitorialità positiva: 90
- formazione sull’early detection e multidisciplinare ad operatori socio-sanitari/insegnanti: 145

 

Contribuisci con un SMS del valore di 2 euro dal 1 aprile al 31 dicembre.



La costituzione della nostra Onlus nasce dalla volontà dei fondatori di dar seguito alla missione terrena di Padre Pio “Dare sollievo alle sofferenze, nel corpo e nello spirito dell’essere umano”, senza distinzione alcuna, di sesso, di razza, di credo e di orientamento politico. Per il 2018 abbiamo in cantiere i i seguenti progetti: 1)”Obiettivo Italia”: è un progetto di sviluppo, di reimpostazione e ampliamento della nostra struttura di “Sostegno Sociale” per minori, anziani e in generale per la fascia medio-bassa della popolazione in Italia. 2)“Padre Pio Social Aide 2018”: raccolta fondi destinata alla copertura dei costi dei progetti di sostegno ed innovazione delle nostre strutture in Costa D’Avorio. Le nostre strutture, tutte di utilità sociale rivolte ai minori, non beneficiano di alcuna sovvenzione e/o convenzione con lo stato della Costa D’Avorio. Di conseguenza, tutti i costi di gestione ordinaria e straordinaria delle strutture sono a nostro completo carico. 3)”Centro Sollievo della Sofferenza”: Il progetto prevede la creazione di un Centro Medico Polifunzionale in grado di ospitare le differenti equipe mediche provenienti dall’Italia che, nelle settimane programmate, offriranno gratuitamente i loro servizi ai bambini della Costa D’Avorio.

Contribuisci con un SMS del valore di 2 euro dal 1 aprile al 31 dicembre.



Progetto Meyer+. Il Meyer diventa più grande, più grande per i più piccoli. Come accade per i bambini anche il Meyer cresce e diventa più grande, per offrire cure ancora più efficaci, creare innovazione per la ricerca, ampliare spazi e strutture per un'accoglienza a 360 gradi. Lo sviluppo del Meyer dei prossimi anni riguarderà tre aree distinte ma interdipendenti: l’Ospedale, il Meyer Health Campus e il Parco della Salute. Meyer+ è l’insieme di queste tre aree a cui si legano le funzioni di cura e accoglienza, della formazione e ricerca e delle attività specialistiche ambulatoriali.

 

Contribuisci con un SMS del valore di 2 euro dal 1 aprile al 31 dicembre.



Mediafriends promuove 4 progetti a favore dell'infanzia in Italia e nel Mondo. Tali progetti prevedono di aiutare e sostenere i bambini poveri, malati, senza istruzione o che hanno subito violenza dando loro l'opportunità e la speranza di una vita degna; inoltre si vuole promuovere la giustizia, la pace, lo sviluppo della cooperazione internazionale, la tutela dei diritti, la solidarietà sociale. Mediafriends andrà a sostenere anche le ONLUS Missione Bambini, Sant'Egidio e AMREF.

Contribuisci con un SMS del valore di 2 euro dall'11 marzo al 31 dicembre.



Sostegno al Programma Internazionale di Oncologia Pediatrica di Soleterre. In Uganda, Costa D'Avorio, Marocco, Ucraina e Italia Soleterre interviene con il proprio staff operativo in case di accoglienza e all'interno di reparti di oncologia pediatrica. La messa in rete di ospedali del nord e del sud del mondo permette la condivisione della ricerca scientifica, dei protocolli terapeutici e della pratica clinica. L'obiettivo è innalzare i tassi di sopravvivenza dei bambini malati di tumore. I tempi di realizzazione sono di un anno solare.

Contribuisci con un SMS del valore di 2 euro dall'8 marzo al 31 dicembre.