23 Novembre 2015

Regali di Natale: lo smartphone adatto a ciascuno

Ecco come fare la scelta migliore, prestando attenzione al budget e alle dimensioni

Uno smartphone sotto l’Albero. Ecco cosa reciterebbero molte lettere per Babbo Natale, se i “grandi” le scrivessero ancora.

Ma come scegliere il device più adatto a ogni cliente? Attenzione, per ora non esistono formule magiche da soluzioni istantanee. Ma ogni decisione deve fare i conti con tre parametri fondamentali.

In primis, il prezzo. Prima di varcare la soglia di un rivenditore con il carrello vuoto, è necessario darsi un budget di spesa. Uno smartphone può costare meno di un pasto da fast food o più di uno stipendio medio italiano. La differenza la fanno il produttore (Apple, Samsung, LG, Motorola, Blackberry, ecc.) e le funzionalità.

Chi ha l’esclusiva necessità di telefonare e chattare su WhatsApp, può anche sperare di togliere dal portafoglio poche banconote: si possono trovare prodotti ad hoc anche sotto i 50€. Se invece si considera lo smartphone uno strumento di lavoro o di intrattenimento costante (social network, giochi, email, navigazione), il saldo alla cassa si fa più “pesante”.

Per avere un’idea più precisa, i “top di gamma” non scendono mai sotto i 400€ (a meno di offerte... web docet). Ma attenzione a non acquistare articoli ben oltre le proprie esigenze. Gli scontrini non provano pietà.

Il secondo indicatore è la dimensione. Nei techno-shop si trovano smartphone ridotti ai minimi termini, piccoli e maneggevoli. Purtroppo però i pochi cm2 di display non aiutano le diottrie. Dall’altra parte dello scaffale, si trovano misure importanti: le tasche si riempiono con phablet (smartphone con schermi oltre i 5,5 pollici), adatti alla lettura e alla navigazione.

L’ultima variabile riguarda i sistemi operativi. iOS è il sistema sviluppato da Apple per i suoi dispositivi; dunque, per la telefonia si può trovare solo su iPhone. Ideale per chi vive l’universo Mac, iOS garantisce una vasta gamma di servizi online esclusivi.

La concorrenza vede in prima fila Android di Google, che domina il campo per diffusione e scommette sulla semplicità d’uso. Il sistema operativo Windows è infine in costante evoluzione, sfruttando la possibilità delle applicazioni Microsoft (Office ha sempre il suo appeal).

Come anticipato, scegliere quale smartphone impacchettare per il 25 dicembre presenta qualche difficoltà. Un buon consiglio può quindi essere non obbligarsi a seguire la moda del momento, rischiando di svuotare la carta di credito pur di essere trendy.

Riflettere sulle proprie necessità e darsi un budget massimo sono gli unici ingredienti per un ottimo affare.

CONDIVIDI con: