29 Giugno 2017

Come evitare di farsi rubare la bici

Ladri di biciclette? Un film già visto… Ecco una serie di consigli ed espedienti da adottare per cercare di ridurre il rischio del furto.

Sgombriamo subito il campo da ogni equivoco: un antifurto in grado di proteggere al 100% la tua bici non esiste. L’unica, reale soluzione sarebbe quella di non abbandonare mai il mezzo ma, a meno che tu non sia in compagnia, ciò non è ovviamente fattibile: a un certo punto dovrai legare la bici da qualche parte per andare a scuola, recarti al lavoro o fare la spesaChe fare quindi?

Proviamo allora a suggerirti 8 semplici stratagemmi per complicare la vita ai malintenzionati o provare, quanto meno, a scoraggiarli.

1. Innanzitutto, lega la tua bici anche dentro la cantina, nel cortile o nell’androne di casa e non lasciarla incustodita nemmeno per un minuto, ad esempio per entrare in edicola o dal panettiere. Basta un attimo per non ritrovarla più.

2. Se usi la bici quotidianamente, non essere troppo abitudinario e cerca di cambiare spesso il posto in cui la parcheggi.

3. Parcheggia sempre la bici in un luogo di passaggio e, preferibilmente, sotto a una telecamera di sorveglianza (come quelle dei bancomat). Più la metti in vista, meglio è.

4. Quando incateni la bici, scegli un supporto solido e inamovibile e assicurati di legare anche il telaio e non solo la ruota (ci mettono poco a smontarla e a rubare il resto). Possibilmente, portati via il sellino.

5. Ok, non ci sono lucchetti inviolabili, ma per la tua catena scegli quelli ad archetto (i cosiddetti bloster o U-Lock): per aprirli occorre una tronchese, un crick o un trapano, e ciò allunga i tempi e crea rumore. Nella maggior parte dei casi, comunque, i lucchetti con cavo d’acciaio a spirale sono sufficienti per far desistere i ladri occasionali.

6. Non lasciare mai sulla bicicletta accessori costosi come il ciclocomputer.

7. Prendi nota del numero di telaio: è come la targa dell’auto e ti permette di riconoscerla. Di solito si trova nella parte inferiore della bici, dove c’è il movimento centrale.

8. Utilizza un sistema di identificazione come la marchiatura del mezzo oppure inserisci nel tubo della sella un foglio plastificato con i tuoi dati: in questo modo, sarà facile dimostrare che la bici è tua nel caso venisse recuperata o la trovassi in un mercatino.

Se sei riuscito a tenerti ben stretta la bici e ti va di condividere i tuoi momenti più belli in sella alle due ruote, segui la nostra pagina vivi_bici su Instagram e pubblica le tue foto con l’hashtag #ViviBici!

CONDIVIDI con: