20 Ottobre 2020

AirBolt GPS, il nuovo nontiscordardimé

Da oggi potrai ritrovare qualsiasi cosa a rischio smarrimento.

Ogni anno, milioni di persone perdono un numero impressionante di ore nella disperata ricerca di qualcosa che hanno puntualmente smarrito in casa, come le chiavi dell’auto o della cantina.

Ma non solo. La loro pazienza è messa a dura prova anche per ritrovare animali, biciclette, borse, valigie e altri oggetti che scompaiono o si dimenticano in giro per la città.

Un enorme fastidio che la AirBolt, una giovane azienda australiana attiva dal 2014 e specializzata nella produzione di accessori hi-tech che agevolano viaggi e spostamenti, ha deciso di sconfiggere per sempre lanciando sul mercato AirBolt GPS, il più piccolo tracker o localizzatore, che dir si voglia, al mondo.

Esistono già alcuni dispositivi localizzatori, popolari soprattutto nella versione bluetooth, che però scontano il limite di un raggio d’azione circoscritto a poche decine di metri e, in alcuni casi, peccano per un’autonomia limitata a pochi giorni o, al massimo, a qualche settimana.  

AirBolt GPS, invece, con una sola carica riesce a rendere possibile un anno di tracciamento. E, all'autonomia davvero maxi, abbina anche un’ampia copertura e consumi contenuti.

È stato studiato inoltre per essere un compagno quasi invisibile: piccolo e leggero (37x34x11 millimetri per 21 grammi di peso), impermeabile fino a 1 metro di profondità, realizzato in plastica Abs e alluminio anodizzato, racchiude un innovativo chipset, una delle migliori tecnologie del settore, un accelerometro e un sensore che misura la temperatura.

«AirBolt GPS è il culmine di migliaia di ore passate a esaminare ogni dettaglio – ha commentato il fondatore dell’azienda – inseguendo l’obiettivo di realizzare il tracker più piccolo e ricco di funzionalità del mondo».

Compatibile con Android e iOS, AirBolt GPS mantiene la capacità di tracciamento senza alcun abbonamento sul tuo smartphone ed è disponibile a meno di 70 euro circa.

CONDIVIDI con: