10 Giugno 2019

SOS piante: aiutiamole contro l’afa estiva

6 trucchi per salvare il tuo verde dal caldo.

Con l’arrivo della bella stagione non sei il solo a sentirti spossato. Anche le tue piante, infatti, soffrono il caldo umido. È quindi fondamentale innaffiarle in modo corretto affinché il loro splendore superi indenne la calura estiva. Che tu abbia un giardino, un terrazzo o un balcone, ecco allora alcuni preziosi suggerimenti per prolungare la vita delle tue piante salvandole da una disidratazione sicura.

1. Innaffia all’alba o al tramonto – È buona regola irrigare il mattino presto o la sera (periodo ideale), quando il sole non è rovente e l’acqua non evapora ancor prima di toccare il terreno. Ricordati di non bagnare assolutamente durante le ore di luce e più calde, nemmeno se la pianta ti sembra sofferente: l’acqua diventerebbe bollente nel giro di pochissimo, rischiando così di bruciare le radici e dare l’effetto contrario a quello desiderato.

2. Bagna fino in fondo – Con il caldo che fa in estate, se innaffi solo lo strato superficiale della terra la pianta non ne trarrà molto giovamento. Devi irrigare abbondantemente finché l'acqua non fuoriesce dai fori posti sul fondo del vaso. Solo in questo modo anche le radici riceveranno la giusta quantità di acqua. Ogni tanto, potrai anche docciare le fornde delle tue piante con un getto delicato che darà loro una lucentezza alle foglie e una giusta umidità.

3. Sfrutta il sottovaso – In questo periodo, il sottovaso può essere usato come riserva d'acqua, ma solo per talune piante, specie quelle fiorite. Per usarlo in questo modo è corretto irrigare dall'alto e poi lasciare l'acqua fuoriuscita dal vaso o anche aggiungerne in modo da permetterne  l'assorbimento in seguito durante le ore più calde.

4. Non fertilizzare se fa troppo caldo – Quando il termometro supera i 30°C, le piante rallentano la loro produzione di fiori e di frutti appositamente per far fronte alle temperature elevate e risparmiare liquidi. Perciò, meglio aspettare che scenda un po’ la temperatura se la fertilizzazione non è davvero indispensabile.

5. Trattieni l’umidità con la pacciamatura – Un piccolo segreto per tenere umido il terreno a lungo è quello di lasciare pezzetti di corteccia o residui vegetali sullo strato superiore di terra bagnata. Tale metodo, chiamato pacciamatura, permetterà al substrato di mantenere l’umidità più a lungo. In alternativa alla corteccia, acquistabile in tutti i negozi di giardinaggio, puoi risparmiare utilizzando trucioli di legno o le foglie secche tagliate da altre piante.

6. Usa le bottiglie per irrigare – Le bottiglie vuote di plastica dell’acqua o di vetro del vino sono degli aiuti ideali nei giorni più caldi. Metti una bottiglia piena d’acqua capovolta nella terra o nelle vicinanze delle radici. L’acqua filtrerà pian piano e la pianta non morirà di sete. In commercio è possibile trovare anche fioriere e vasi con un serbatoio per l’acqua. In questo modo, potrai trasvcorre un weekend lontano da casa senza troppi patemi per le tue piante.

CONDIVIDI con: