8 Aprile 2021

Ravioli al vapore: come farli in casa

Consigli e ricette per fare i ravioli al vapore in casa

Quando si parla di cucina cinese, i ravioli al vapore sono senz’altro uno dei piatti preferiti dagli italiani: ecco come prepararli

La cucina cinese è tra le cucine etniche più amate dagli italiani: spaghetti di soia, involtini primavera, ma anche gustosi ravioli al vapore. Il delivery è certamente un modo veloce e pratico per gustarli anche in casa, ma in pochi semplici passaggi è possibile anche prepararli: nulla ti darà più soddisfazione. Scopri come.

 

Ravioli al vapore, ricette e cottura

Ravioli al vapore, comunemente chiamati anche dumpling: prepararli a casa non è mai stato così facile. Si tratta di una preparazione adatta a tutti, che può essere apprezzata soprattutto dagli amanti della pasta fatta in casa.

 

Come preparare la pasta dei ravioli al vapore

Per preparare l’impasto dei ravioli ti basterà prendere 125 gr di farina di frumento e 75 ml di acqua, a temperatura ambiente o, se preferisci, tiepida. Lavora l’impasto e, una volta ottenuta una consistenza liscia e morbida, avvolgilo nella pellicola da cucina, lasciandolo riposare per circa 30 minuti. Dopodiché, stendilo con un mattarello o con la macchina per la pasta fresca, l’importante è che la sfoglia sia abbastanza sottile e risulti facilmente tagliabile con un coppapasta rotondo.

 

 Ripieno dei ravioli al vapore: gamberetti o carne?

I ravioli al vapore possono essere riempiti a proprio piacimento: le due classiche varianti sono quella di carne e di pesce.

Per la prima soluzione, puoi affidarti al tuo gusto personale: scegli del macinato di maiale o di vitello, dopodiché puoi aggiungere al trito delle verdure come la carota, il cipollotto, o la verza. Nella ricetta cinese è previsto anche un pizzico di zenzero grattugiato e l’immancabile salsa di soia: ricca anche di Omega 3.

Il ripieno di pesce è leggermente più complicato, ma il risultato non ti farà pentire. Prendi delle code di gamberoni, tritale e aggiungi un pizzico di sale e zucchero e un po’ di fecola di petate. A tuo gusto potrai aggiungere delle verdure o delle spezie.

 

Ravioli al vapore: ricette vegetariane

Hai a cena amici vegetariani o vegani? Non c’è problema, puoi fare il ripieno anche di sole verdure. Una soluzione perfetta per essere accompagnata con la salsa di soia è quella del mix di carote, porro e verza. Puoi però sbizzarrirti e scegliere il ripieno che ti piace di più.

 

Come chiudere i ravioli al vapore?

Una volta preparata la pasta e scelto il ripieno, potresti chiederti come chiudere i ravioli al vapore. È forse questo il passaggio più complicato, ma non preoccuparti. Ecco qualche soluzione.

  • Chiusura a mezzaluna: se non sei prativo, puoi chiudere i ravioli formando una vera e propria mezzaluna, anche detta “chiusura a borsetta”. Sigilla i bordi con i polpastrelli, assicurandoti che l’impasto aderisca bene.
  • Classica chiusura cinese: se non sei alle prime armi puoi chiudere il bordo utilizzando il pollice e il dito medio della stessa mano, appoggiando il raviolo nell’altra. Ricorda di realizzare delle pieghette sul bordo.
  • Chiusura a sacchetto: parti dalla chiusura a mezzaluna e poi chiudi le due estremità opposte, proprio come un sacchetto.

 

Come cuocere i ravioli al vapore?

Il classico metodo di cottura dei ravioli al vapore è.…il vapore. Puoi posizionarli in una ciotola di bambù sopra ad un pentolone di acqua bollente, oppure utilizzare una classica vaporiera. Il tempo di cottura sarà di circa 15 minuti (ma molto dipende dal ripieno). Puoi anche optare per la cottura in padella, il risultato è un sapore più intenso e una cottura più rosolata. Ricordati di non girarli mai e di aggiungere comunque un pochino d’acqua e un filo d’olio: in 10 minuti in risultato sarà ottimale.

CONDIVIDI con: