18 Giugno 2020

Quale portabici per auto scegliere e perché

Non abbandonare la tua bici in città quest’estate, portala con te.

Le giornate si allungano e finalmente si avvicina il tempo delle vacanze. Sei un patito delle due ruote e stai già pensando a tutte le gite che farai con la tua bici in montagna, al lago o al mare? Grandioso. 

Se però anche tua moglie o i tuoi figli condividono la stessa passione, allora devi necessariamente pensare di acquistare un portabici per la tua auto. Ma per quale optare?

Ne esistono sostanzialmente tre diverse tipologie: cerchiamo di conoscere i modelli più adatti alle varie situazioni e scoprire vantaggi e svantaggi di ognuno.

1. Portabici da tetto

Vantaggi: lo sportellone posteriore dell’auto rimane accessibile, permettendoti di caricare e scaricare facilmente gli altri bagagli; le bici non intralciano la visuale mentre guidi; puoi lasciarlo montato.

Svantaggi: minore aerodinamicità dell’auto e quindi maggiore consumo di carburante, specialmente in autostrada; fissaggio delle bici complicato e faticoso; l’altezza dell’auto aumenta di molto, rendendo impossibile attraversare sottopassaggi bassi o entrare in molti parcheggi custoditi.

2. Portabici posteriore

Vantaggi: una volta montato è facile caricarci le bici; una volta scaricate le biciclette, può essere ripiegato e occupare un ingombro minimo.

Svantaggi: allunga il veicolo e ne ostacola la visuale posterioredevi ricordarti di usare il cartello carichi sporgenti per non rischiare contravvenzioni; con il portabici montato, non è possibile aprire il portellone posteriore; occorre prestare molta attenzione per effettuare un montaggio corretto e sicuro.

3. Portabici per gancio di traino (solo per chi ha già in dotazione il gancio di traino)

Vantaggi: migliore aerodinamicità dell’auto; più facile caricare e scaricare le bici; punto di attacco stabile e sicuro; con i modelli più performanti puoi caricare anche quattro biciclette.

Svantaggi: più caro rispetto agli altri modelli; intralcia la visuale posteriore e allunga le dimensioni del veicolo; devi replicare la targa e le luci posteriori per non incorrere in multe; con le bici caricate, non puoi aprire il portellone posteriore (ma alcuni modelli sono dotati di un sistema che piega le bici indietro lasciando lo spazio per accedere al portellone).

Se sei interessato ad altre news o info sulle due ruote, oppure desideri semplicemente condividere le tue foto mentre sei in vacanza con la tua bici, segui la nostra pagina vivi_bici su Instagram e pubblica le immagini con l’hashtag #ViviBici.

 

Fonte: bikeitalia.it

CONDIVIDI con: