25 Marzo 2020

Il lievito di birra? Più sano di quel che pensi

Quante volte abbiamo sentito dire che il lievito di birra fa male? Niente di più sbagliato: a confermarcelo il professor Michele Sculati e il Gruppo Lievito da zuccheri di Assitol

Alzi la mano chi, in preda a una voglia irrefrenabile di pizza, focaccia o lievitati di ogni tipo, non abbia almeno una volta fatto uso di un alleato davvero irrinunciabile: il lievito di birra.

Microrganismo che prende vita da un sottoprodotto di origine agricola – il melasso di zucchero –, il lievito di birra è a tutti gli effetti un prodotto coltivato in maniera naturale e, quindi, utilizzabile per moltissime preparazioni sane.

Spesso, però, il lievito è considerato causa di pesantezza o difficoltà digestive, ma non è così: a riabilitare la reputazione di un prodotto dalle molteplici virtù è il Gruppo Lievito da zuccheri di Assitol, che ha lanciato un messaggio positivo nel corso del convegno Lievito: una bella scoperta di Rimini.

A supporto di questa tesi, oltre che per sfatare miti e luoghi comuni su un prodotto in realtà sano e naturale, è intervenuto Michele Sculati, medico specialista in Scienza di alimentazione e professore a contratto all’Università di Milano-Bicocca.

In primis, il Dottore conferma come la sensazione di gonfiore addominale non sia da associare al lievito, bensì ad altri fattori come una dieta disordinata, una situazione di sovrappeso oppure lo stress; il lievito, fra i primi probiotici utilizzati dall’uomo, è da sempre portatore di benefici per il nostro organismo.

Quanto alla sensazione di gonfiore che spesso avvertiamo dopo aver assaporato un’ottima pizza, è più verosimilmente attribuibile all’altro carico glicemico o alla quantità di sale contenuti nella preparazione: il lievito, infatti, muore a circa 50-60°, mentre come sappiamo i prodotti da forno cuociono a temperature ben più elevate.

Un altro luogo comune sfatato da Sculati è l’intolleranza al lievito, tema fortemente dibattuto negli ultimi anni: secondo il Professore, una simile evenienza non solo è molto rara, ma soprattutto riscontrabile unicamente attraverso specifiche analisi e sotto prescrizione medica.

Sculati, in conclusione, invita a seguire un regime alimentare giornaliero vario, senza perseguire diete estreme o eliminare sostanze che potrebbero in realtà portare giovamento al nostro corpo.

Insomma, non solo il lievito non fa male, ma può farci addirittura del bene: lo sapevi che non solo è essenziale per la produzione dei lievitati, ma anche di dolci, vino e birra?

CONDIVIDI con: