24 Giugno 2019

L’orto a dimensione familiare

Hai solo un balcone ma tanta voglia di avere un orticello?

Se hai sempre desiderato coltivare insalate e piante aromatiche, ma abiti in città e hai solo un balcone o un terrazzo, sappi che creare un grazioso orticello casalingo è molto più semplice di quanto tu possa immaginare e in più dà ottimi risultati: bastano pochi accorgimenti per avere sempre lattuga fresca e pomodorini appena colti sulla tua tavola!

Ovviamente, le varietà che di solito si adattano meglio al balcone sono quelle che non superano il mezzo metro o che producono ortaggi non troppo grandi.

Tuttavia, se hai abbastanza spazio puoi concederti vasi più grandi, anche lunghi 100 cm e alti 50 cm, e seminare persino melanzane e peperoncini. Se invece hai fioriere più piccole puoi sbizzarrirti con le aromatiche: non sono troppo impegnative, amano il sole solo per metà giornata, vogliono poca acqua e stanno bene anche in vasi da 20 cm di diametro.

Esistono comunque delle varietà oggettivamente più semplici da coltivare, ideali anche per i meno esperti o per chi può dedicare al proprio orto solo brevi ritagli di tempo. Ne abbiamo selezionato 5 per te.

1. Pomodoro – Vaso da 30-40 cm di profondità e 30 di larghezza. I primi frutti faranno capolino dopo 80-90 giorni dal trapianto.

2. Lattuga – Vaso alto almeno 20-30 cm e largo 40. Già dopo poco più di un mese sarà pronta per la prima raccolta e proseguirà la produzione fino a metà novembre.

3. Basilico – Vaso profondo almeno 20 cm e largo minimo 10. La produzione di foglioline già pronte da consumare inizia a 25 giorni circa dal trapianto. Ottima idea per prepararti la ricetta del pesto alla genovese.

4. Prezzemolo – Vaso profondo almeno 30-40 cm e 20 in larghezza. A 40-60 giorni dal trapianto, le foglie sono pronte da consumare.

5. Fragolina – Vaso profondo 40-50 cm e largo almeno 20-30. La pianta comincia la sua produzione a 50-80 giorni dal trapianto, da giugno fino a ottobre. I suoi bellissimi fiori bianchi la rendono perfetta per adornare balconi e verande, magari con dei cestini di vimini appesi.

E allora sei pronto a diventare anche tu un provetto contadino?

CONDIVIDI con: