31 Dicembre 2019

Il giro del mondo in 8 capodanni

Alcune delle usanze più strane per festeggiare il nuovo anno.

Come si festeggia la notte di San Silvestro nei vari Paesi del mondo? Di sicuro non mancano le tradizioni più particolari e stravaganti. Vediamone qualcuna.

1. Danimarca  In questo Paese, che viene spesso associato all’ordine, alla pulizia e all’impeccabile organizzazione, non immagineresti mai che la fine dell’anno venga celebrata rompendo piatti di fronte alla porta di casa dei propri cari! È infatti in questo modo che il danese medio è solito augurare un anno di gioia e prosperità alle persone più amate.

2. Germania – Si indossano maschere e abiti bizzarri come se fosse il nostro Carnevale. Sulle tavole non mancano noci, noccioli e uvetta da degustare con la Feuerzangenbowle, un’ottima bevanda di vino, rum, cannella, chiodi di garofano e buccia di arancia.

3. Spagna – A mezzanotte in punto ci si fionda in piazza e, come buon augurio, si mangiano 12 chicchi d’uva al rintocco delle campane. Non mancano i deliziosi buñuelos, sfogliatine ricoperte di zucchero e tanta buona musica che farà compagnia fino all’alba.

4. Russia – Durante gli ultimi 12 secondi, prima dello scoccare della mezzanotte, tutti restano in silenzio, pensando con intensità a tutto ciò che si desidera per il prossimo anno. Un po’ in tutto il paese vive l’usanza di tuffarsi nelle acque gelide marine o lacustri vestiti da Santa Claus.

5. Giappone – Qui il Capodanno ha un forte valore spirituale. I nipponici dedicano la festa a Toshigami, la divinità del nuovo anno, e confessano i loro peccati a mezzanotte durante il rintocco delle 108 campane dei templi buddisti.

6. Brasile – Chi abita sulle coste, specialmente a Rio, ama festeggiare in riva all’oceano, sulla sabbia, dove si posizionano delle candele per omaggiare Lemanja, la divinità del mare. Inoltre, la notte di Capodanno si preferisce indossare vestiti gialli in segno di buon auspicio.

7. Messico – Per tutta la giornata di Capodanno si gettano pietre e mestoli di legno nel fuoco. Un atto liberatorio e propiziatorio. 

8. Cina – Il Capodanno cinese, sinonimo di gioia e spensieratezza, in realtà cade tra il nostro 21 gennaio e 19 febbraio e dura ben 15 giorni. Noto anche come la festa della primavera, è un tripudio di danze, colori, luci, lanterne e abiti rossi, poiché ritenuti propiziatori.

Comunque tu e i tuoi cari intendiate festeggiare questo momento speciale, CoopVoce vi augura buona fine e buon principio d’anno!

CONDIVIDI con: