21 Giugno 2016

Il 21 giugno torna la Festa Europea della Musica

Tutti in piazza per celebrare la Festa che unisce l’Europa nel segno della musica

Oggi tutta Europa festeggia la musica! Dal 1982, la Francia – prima fra tutte le nazioni europee - s’impegna a ricordare il ruolo terapeutico e di aggregatore sociale della musica, nonché il suo valore sociale e umano, con una grande manifestazione popolare senza scopo di lucro. Il principio cardine di questa Festa è “Fare la musica”: offrire un palcoscenico gratuito a chiunque ami esibirsi, musicisti professionisti ma anche amatoriali, tutti accomunati dalla stessa grande passione.

Sempre più nazioni europee hanno deciso di aderire a questa iniziativa. Il 21 giugno di ogni anno, le strade e le piazze di tutta Europa si animano al ritmo di una melodia che trasmette un messaggio internazionale di cultura, integrazione e universalità.

Poteva l’Italia - terra delle canzoni popolari e patria e della musica lirica – non partecipare? Tante città italiane hanno deciso, infatti, di ospitare un palcoscenico per promuovere il valore della musica. CoopVoce te ne suggerisce alcune!

Milano non può mancare all’appello. Piazza degli Affari, simbolo dell’economia milanese, è il teatro della Festa con spettacoli gratuiti di musica elettronica e jazz.

Dopo aver ospitato a marzo la manifestazione Eroica Primavera 2016, Siena ospita la Festa della Musica, con ben cinque giornate dedicate alla musica, vivacizzate dall’Accademia Siena Jazz.

Questa ricorrenza musicale torna anche a Bari, con un programma diviso in due momenti della giornata. La mattina si apre con le prime performance musicali e artistiche presso il mercato coperto di Santa Scolastica, mentre nel pomeriggio è il Molo Sant’Antonio ad essere animato da concerti e spettacoli.

Per il quarto anno consecutivo, Salerno prende parte ai festeggiamenti con spettacoli organizzati dai licei musicali e dai conservatori campani.

Insomma, ovunque tu decida di trascorrere questa giornata, sarà in ogni caso un’occasione imperdibile per ascoltare diversi generi musicali e celebrare il linguaggio universale della musica.

CONDIVIDI con: