7 Maggio 2020

Come è nata la festa della mamma

Scopri la storia e alcune curiosità interessanti su questa ricorrenza.

Le origini della festa della mamma risalgono a secoli fa, e sono collegate al culto della fertilità e della maternità.

Per come la conosciamo oggi, però, questa ricorrenza esiste dai primi del Novecento, per la precisione dal 10 maggio 1908, quando fu introdotta da Anna Jarvis, figlia della pacifista americana Ann Maria Reeves Jarvis (attivista sociale e fondatrice dei Mothers’ Day Work Clubs durante la Guerra di secessione tra Nordisti e Sudisti), per onorare la morte della madre avvenuta tre anni prima.

Durante gli anni Sessanta dell’Ottocento, Ann Maria Reeves Jarvis fu promotrice di campagne per combattere la mortalità infantile dovuta alle malattie e alla contaminazione del latte e cominciò a organizzare alcune giornate simili alla festa della mamma: si trattava di incontri, picnic e altri eventi per incoraggiare l’amicizia tra le madri che appartenevano a schieramenti che erano stati nemici nel corso della guerra civile.

Successivamente le celebrazioni per il cosiddetto Mother’s Day ebbero sempre più seguito, a tal punto che il presidente degli Stati Uniti Thomas Woodrow Wilson nel 1914 consacrò ufficialmente la seconda domenica di maggio come data per festeggiare tutte le mamme del mondo.

Sebbene Anna Jarvis si sia impegnata per molti anni contro lo sfruttamento commerciale della festa, che riteneva contraddire lo spirito iniziale che contraddistinse gli ideali di sua madre, questa ricorrenza, sulla scia del successo statunitense, venne poi adottata in molti paesi occidentali, compresa l’Italia a partire dalla fine degli anni Cinquanta. 

Da noi, tuttavia, ha assunto una forte connotazione cristiana, anche perché maggio è il mese dedicato alla Madonna nella tradizione cattolica. In realtà, nel nostro Paese la figura materna si celebrava anche prima, ma con sfumature molto diverse.

In epoca fascista, infatti, venne istituita il 24 dicembre 1933 la prima Giornata nazionale della Madre e del Fanciullo: si trattava di un’occasione per elogiare e premiare le madri più prolifiche d’Italia, nell’ottica di favorire la crescita demografica, combattere la mortalità infantile e crescere braccia e cervelli da affidare al regime.

Bene, ora che conosci la vera storia della festa della mamma, che quest’anno ricorre domenica 10 maggio, non dimenticarti di fare a tua madre un bel regalo, ok?

CONDIVIDI con: