1 Settembre 2020

Adottare un contadino a distanza. Perché no?

Ora puoi aiutare anche tu le realtà agricole a conduzione familiare.

Negli ultimi tempi, stiamo purtroppo assistendo a un crescente abbandono delle terre e dei borghi rurali. Ecco perché, oggi più che mai, tutelare il patrimonio di eccellenze e tradizioni in un paese ricco di biodiversità come l’Italia è un dovere per ognuno di noi.

È nata così Coltivatori di Emozioni, una piattaforma di social farming che riunisce imprese e micro-imprese della tradizione agricola nostrana.

Si tratta di un’iniziativa ideata e promossa da un gruppo di appassionati di natura e cultura gastronomica che ha dato vita a un progetto ambizioso i cui obiettivi sono: salvaguardare la cultura rurale del nostro territorio, sostenere le microeconomie locali, promuovere un’agricoltura più sostenibile e su piccola scala, tutelare il paesaggio, recuperare i terreni incolti, aiutare l’inserimento e reinserimento lavorativo, avvicinare il consumatore alle attività agricole.

I produttori che hanno aderito a Coltivatori di Emozioni si trovano in tredici regioni diverse, ognuno alle prese con una specialità tipica locale, dal riso Carnaroli della Lomellina al farro della Garfagnana, dal peperone di Pontecorvo ai grani antichi siciliani. E poi la canapa, coltivata nel Comune di Ripalimosani in Molise, dove è stato recuperato un canapaio di 2,5 ettari e avviato un orto collettivo solidale che offre formazione e lavoro alle categorie più deboli.

Il funzionamento di questo interessante progetto è molto semplice: attraverso il sito di Coltivatori di Emozioni, chiunque può acquistare prodotti o addirittura adottare a distanza un coltivatore diretto, sostenendo, così, la sua attività.

Tutti gli utenti che navigano tra le pagine dedicate alle iniziative dedicate ad agricoltura e allevamento possono ascoltare i racconti dei contadini e delle contadine, e decidere così a chi offrire il proprio contributo sotto forma di prodotti della terra o voucher di ore lavorative.

Dopodiché, lo staff di Coltivatori di Emozioni si occupa di smistare l’ordine per il prodotto selezionato o di erogare all’agricoltore i buoni lavorativi acquistati.

In cambio, chi partecipa riceve un vero e proprio certificato di adozione a testimonianza del contributo donato, un cofanetto in legno con le specialità dell’azienda scelta e la possibilità di ricevere un aggiornamento stagionale sulle coltivazioni.

CONDIVIDI con: