20 Novembre 2020

La bicicletta per bambini perfetta per spostarsi leggeri e in sicurezza: Bakfiets!

Bakfiets, La bicicletta per bambini con rimorchio frontale

Bakfiets è una bicicletta per bambini olandese dal rimorchio frontale, ideale per spostarsi, a emissioni 0, insieme alla propria famiglia  

 

Spostarsi in maniera ecosostenibile sta diventando sempre più un’esigenza, non soltanto una scelta individuale. La bicicletta, per come normalmente la si concepisce, è un ottimo mezzo per muoversi green, a patto di rimanere leggeri: ecco che allora arriva in soccorso la cargo bikeuna bicicletta per bambini pensata, inizialmente, per il trasporto di mercianimali e per servizi a domicilio! 
In particolare oggi, Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia, scopriamo come creare per i piccoli un mondo più green, pedalata per pedalata…ehm, passo per passo! 

Che cos’è la bakfietsen, o bicicletta cargo? 

Le bakfietsen, o meglio conosciute oggi giorno come bici porta bambini davanti, sono tra le più famose bici olandesiPer bakfietsen si intendono in realtà le bici da carico, o cargo bike, dotate di tre ruote: due posteriori e una anteriore. Sono biciclette particolarmente robuste che richiedono pochissima manutenzione e si rompono con estrema difficoltà. Si guidano diversamente rispetto alle normali biciclette: in curva il corpo rimane ritto poiché il movimento ricade su braccia e mani richiedendo, pertanto, uno sforzo minimo. 
Sono bici abbastanza grandi: arrivano, infatti, a una lunghezza totale di 215 cm (soltanto il cargo ne misura tendenzialmente 90) e possono reggere fino a 150 kg. Queste bici cargo hanno un prezzo di mercato che si aggira intorno ai 1500 fino ad arrivare a 3000 euro. 
Si tratta quindi di una bicicletta che può trasportare anche due, tre o addirittura quattro ragazzi alla volta: i bambini possono anche sedersi comodamente su due banchine pieghevoli poste all’interno del cassone. Si tratta di perfette bici portabambini in quanto hanno un rimorchio frontale che consente ai genitori di pedalare più serenamente avendo i piccoli sempre a portata d’occhio. 

Da ricordare che le bakfietsen sono maggiormente indicate per il trasporto di bambini dai due anni in su, e non per portare neonati in bici, in quanto serve loro un certo grado di mobilità per potere sedersi o stare in piedi. 

La storia delle bakfietsen 

Le biciclette a tre ruote nascono nel 1800, periodo durante il quale le città europee stavano subendo una forte industrializzazione. A causa del nuovo assetto urbano, gli spazi dedicati alle scuderie, e quindi ai cavalli da carrozza, erano sempre più ridotti. Mentre la nuova classe borghese poteva permettersi veicoli a motore, le persone di altre classi sociali si spostavano con tricicli. 
Il tre ruote era particolarmente apprezzato per la sua robustezza e il trasporto di carichi pesanti. 
Nel 1920, nei Paesi Bassi, i tricicli (chiamati appunto bakfiesten) erano quindi molto diffusi. All’epoca, così come oggi, esistevano tante bici per tanti usi e il triciclo divenne il mezzo prediletto per il trasporto di merci quali pane, latte, attrezzi da ferramenta ecc. Questo grazie a una grande stiva che veniva posta nella parte anteriore della bicicletta. 

Il decennio successivo, le bakfietsen iniziarono a diffondersi anche in Scandinavia, in particolare in Danimarca. A Copenaghen le bakfiesten presero il nome di svajeres ed erano veri e propri corrieri in bicicletta che giravano per la città portando le più svariate merci nel rimorchio frontale. 
Si diffusero poi anche in Inghilterra, con il nome bucher’s bike (le bici del macellaio), per poi trovare maggiore popolarità nella flotta depostini che utilizzavano le cycle truck per le consegne. 
Negli Stati Uniti arrivarono grazie al produttore di biciclette, Schwinn, che nel 1939, produsse l’originale americana cycle truck.  

Bicicletta cargo, come era vista in Italia?  

Nel Belpaese la bicicletta cargo è stata impiegata da quei commercianti che non avevano abbastanza denaro per poteraffittare un negozio o acquistare un veicolo a motore, come il camion. 
Il picco di utilizzo si ebbe nei quarant’anni che vanno dal 1920 fino al 1960 e quando queste biciclette venivano principalmente utilizzate per la vendita di gelati piuttosto che per servizi quali la consegna del ghiacciol’affilatura di coltelli e la riparazione delle suole delle scarpe. 

Bici porta bambini davanti, le bakfiets oggi 

Nel 2020, in Europa, le bakfietsen hanno avuto un incremento di vendite di 43.000 unità, cifra che è quasi raddoppiata rispetto a quella del 2019 che si aggirava intorno a +28.500. 
Negli ultimi anni, inoltre, si sono diffuse in Europa anche le e-cargo, ovvero le cargo bike elettriche a pedalata assistita, che nel 2019 hanno toccato il 75% del mercato (questo anche grazie a incentivi a favore della green mobility stanziati da alcuni Paesi europei). 
Lbakfiets rimane particolarmente popolare nel suo paese d’origine, i Paesi Bassi, e si conferma perfetta bici per bambini anche in Danimarca. 
In Italia attendiamo, con trepidante attesa, di vedere sempre più bambini con il vento tra i capelli e lo zainetto in spalla, comodamente seduti su una bakfiets! 
 

 

 

CONDIVIDI con: