25 Febbraio 2020

7 oggetti comuni destinati a sparire in un prossimo futuro

Le nuove tecnologie si evolvono a un ritmo sempre più rapido. E c’è chi (anzi “cosa”) ne farà le spese.

L’innovazione ha sempre decretato vincitori e vinti. Il web streaming sta minando l’egemonia della TV mainstream, l’iPod ha alzato bandiera bianca davanti alle app per smartphone con infinite library di canzoni, il classico orologio ha detto addio ai nostri polsi con l’avvento degli smartwatch. E sono solo alcuni esempi.

La vera domanda (o scommessa) è: quali saranno i prossimi oggetti d’uso comune a finire nel dimenticatoio? CoopVoce prova a sbirciare oltre l’orizzonte.

  1. CD, DVD e USB – Tutto è online. Anzi, tutto è in cloud. CD, chiavette USB, DVD e Blu-Ray sono ormai parcheggiati sugli scaffali o nei cassetti. A che serve una copia fisica, quando si può ottenere qualsiasi film, musica o videogioco dalla “nuvola”?
  2. Portafogli – Forse è uno dei cambiamenti meno a lungo termine nella nostra lista. Già ora esistono app per pagare tramite lo smartphone, per non parlare delle recenti fugaci esperienze delle criptovalute. E, quando anche i documenti saranno disponibili nella cartella online di ogni cittadino, non ci sarà una buona motivazione per mettersi in tasca un portafogli.
  3. Lavatrice – Sembra fantascienza, ma due gruppi di ricercatori in Cina e Australia hanno forse posto le basi per la pensione della lavatrice. Gli studiosi hanno dato forma a un rivestimento di nanoparticelle per indumenti: una volta esposto ai raggi solari, tale involucro degrada la materia organica sui tessuti, eliminando le macchie. Alle lavatrici non resta che sperare nel maltempo!
  4. Password – Chissà per quanti utenti sarebbe una liberazione non dover più ricordarsi ogni password! I codici alfanumerici lasceranno spazio a tecnologie di analisi dei parametri biometrici: scansione dell’iride, riconoscimento vocale e rilevazione delle impronte digitali sono alle porte (o ancora più vicino).
  5. Specchi e specchietti – Probabilmente, il futuro sarà composto da monitor e telecamere ovunque. Ecco cosa sostituirà i nostri specchi in giro per casa. Lo stesso vale anche per gli specchietti retrovisori sulle automobili, destinati a scomparire non appena i veicoli viaggeranno senza chiamare in causa l’ex conducente.
  6. Chiavi – Wi-Fi, Bluetooth e serrature virtuali stanno progressivamente dando il cambio alle classiche chiavi. E pensare che le prime tracce della loro presenza risalgono all’antico Egitto.
  7. Caricabatterie – Sparirà anche la scritta 1% che spesso accompagna il simbolo della batteria sui nostri smartphone. Nei prossimi anni saranno ultimate tecnologie in grado di caricare il cellulare da cabine wireless. O, addirittura, facendo buon uso delle onde radio o della luce, grazie a celle fotovoltaiche sui device.

CONDIVIDI con: