2 Agosto 2017

Viaggiare in bici? Ora c’è il bikepacking

Se ami il cicloturismo, l’equipaggiamento della tua bici dipende in larga misura dalle attitudini, esigenze e preferenze specifiche che hai.

Hai voglia di fare una bella vacanza in bicicletta, ma pensi di non avere il modello adatto oppure ti spaventa l’idea di non riuscire a sostenere il ritmo della pedalata per l’eccessivo peso delle borse con cui dovresti equipaggiare la tua due ruote? Ebbene, oggi c’è una soluzione che potrebbe trasformare il tuo sogno in realtà. Conosci il bikepacking?

Si tratta dell’evoluzione del classico sistema da cicloturismo con portapacchi e borse laterali. Il bikepacking, infatti, non ne prevede l’utilizzo: così risparmi il peso che ne deriva e la bici lavora normalmente, non perdendo né in aerodinamica né, soprattutto, in maneggevolezza. Un vantaggio, quest’ultimo, non indifferente se devi attraversare sentieri stretti o magari, più banalmente, se pensi di salire con la bici su un treno.

Ma la cosa più rilevante è che non occorre una bici dedicata. Questo vuol dire che puoi viaggiare con qualsiasi tipologia di bici: da corsa, da trekking, ammortizzata, biammortizzata o fatbike! Con il bikepacking, dunque, gli oggetti vengono inseriti all'interno di borse speciali applicate direttamente sul telaio della bicicletta tramite cinghie e strap. Come queste:

Borsa da manubrio

Viene fissata tramite specifici ganci o velcro al manubrio della bicicletta, rimanendo, però, ben distanziata dalla piega per garantire il passaggio dei cavi freno e cambio e per non ostacolare il movimento dello sterzo. Ha una forma generalmente cilindrica e allungata, per non toccare la ruota anteriore, e vanta una capienza variabile che può arrivare anche a 18/20 litri.

Borsa da telaio

Posizionata all’interno del triangolo anteriore della bici, può occuparne totalmente o parzialmente l’area. Può essere utilizzata anche con biciclette biammortizzate e in presenza di borracce e porta borracce.

Borsa sottosella

Chiamata anche seat bag, può avere dimensioni variabili e andare da pochi litri fino a 20 circa. Viene ancorata al reggisella e ai binari della sella tramite appositi ganci o velcro. Ideale per brevi viaggi.

Borsello da tubo orizzontale

Ne esistono fondamentalmente due tipi: da posizionare tra serie sterzo e telaio o anteriormente tra reggisella e tubo orizzontale. Spesso dotato di una comoda retina, è adatto per oggetti come smartphone, gps, documenti, barrette e chiavi.

L’unico inconveniente – se così si può definire – del bikepacking è solo la capacità di carico. L’assetto classico di portapacchi e borse consente una capacità anche superiore ai 100 litri, mentre con le borse da bikepacking si arriva a una capienza massima di circa 50 litri. Ovviamente molto dipende dalla lunghezza del viaggio e dal tipo di trail che decidi di affrontare.

Se vuoi saperne di più sul mondo della bici o per condividere le tue foto sulle due ruote, segui la nostra pagina vivi_bici su Instagram e pubblica le tue pics con l’hashtag #ViviBici!

CONDIVIDI con: