11 Novembre 2019

Come evitare che i compiti diventino un incubo

Per studiare correttamente, a tuo figlio servono regole chiare e precise.

Compiti a casa: un argomento molto dibattuto per il risvolto che ha sulla vita familiare. Spesso basta poco per arrivare a stressanti e poco edificanti momenti di tensione fra genitori e figli.

E allora ecco qualche consiglio per aiutare il bambino nel suo impegno quotidiano, cercando di ottenere il miglior risultato possibile nello studio e nello svolgimento degli esercizi assegnatigli dalla maestra.

1. Quando farli - Dopo un’intera mattinata passata sui libri, non obbligarlo a fare subito i compiti una volta rientrato a casa. Concedigli una o due orette in totale relax lasciandolo libero di giocare o guardare un po' di TV, in modo da potersi riposare, svuotare la mente e ricaricare così le energie. 

2. Dove farli - Il luogo deputato per fare i compiti deve favorirgli la concentrazione. Quindi, se li fa nella cameretta, la stanza dovrà essere in perfetto ordine, così come la stessa scrivania. In giro niente giochi, videogiochi, tv, palloni o altre possibili fonti di distrazione. Se condivide la cameretta con un fratellino o una sorellina, trova per lui un ambiente alternativo, come la cucina o il salotto.

3. Come farli - Se noti degli errori nei suoi compiti, invitalo a comprendere dove ha sbagliato, facendolo rileggere e riflettere. Inutile mandarlo a scuola con i compiti perfetti, se poi non ha capito il concetto. Rimproveri e urla servono soltanto a stressarlo e a minare la fiducia nelle sue capacità. Ciò che dovresti fare, semmai, è esattamente il contrario: evidenzia i risultati positivi e rafforza la sua autostima (tecnica molto utile che gli psicologi chiamano rinforzo positivo). 

4. Non farli al suo posto - Non aiutarlo a fare i compiti, fallo solo se te lo chiede lui esplicitamente. Evita quindi di sederti accanto a lui, leggergli il diario e programmargli il pomeriggio: puoi farlo eventualmente le prime volte, in modo che lui possa capire come gestire al meglio il suo tempo, magari creando insieme un piccolo schemino con le cose da fare.

5. Faglieli fare insieme a un amichetto - Ogni tanto organizza un pomeriggio di compiti con un suo compagno di classe e permetti loro di sperimentare quest’esperienza in compagnia: può essere un'ottima idea per aiutarlo a conoscere sin da subito il lavoro di gruppo e abituarlo a relazionarsi agli altri in maniera più completa. 

Prova a seguire queste regole e vedrai che il rendimento scolastico di tuo figlio potrebbe darti belle soddisfazioni.

CONDIVIDI con: